DISPENSER MILANO PRESENTA COSMIC FLOATING

COLLAGE

DISPENSER MILANO E’ UN PROGETTO CHE SI E’ SVILUPPATO GRAZIE AL CONTRIBUTO DI SMOKING MINS URBAN CULTURE EVENTS.

I RAGAZZI SONO ATTIVI DA GENNAIO E STANNO PORTANDO A MILANO DELLE BELLE SITUAZIONI LEGATE ALLA URBAN ART ITALIANA E ALL’ARTE CONTEMPORANEA FATTA DA WRITERS/EX WRITERS.

DOMANI, 20 MAGGIO, PUOI ANDARE ALL’INAUGURAZIONE DI COSMIC FLOATING, EXPOSITION & WALL PAINTING DI FRANCESCO BARBIERI + FRITZDACAT CHE METTE I DISCHI.

NON CI SONO I FREE DRINKS. QUINDI VACCI SE DAVVERO TI INTERESSA.

FLYER

IL DISPENSER E’ IN VIA FAENZA 12/5, ZONA ROMOLO/FAMAGOSTA. HAI TEMPO FINO AL 26 MAGGIO.

IL 27 POI CI SARA’ UN’ALTRA STORIA CHE TI RACCONTEREMO LA PROSSIMA VOLTA.

+ INFO:

DISPENSERMILANO.BLOGSPOT.COM

VIMEO.COM/DISPENSERMILANO

FLICKR.COM/PHOTOS/DISPENSERMILANO

DELTA9

COSMIC FLOATING:

FRANCESCO BARBIERI, EX WRITER, È UN ARTISTA VISIVO CHE TROVA ISPIRAZIONE DAL CONTESTO URBANO, INDUSTRIALE, DALLE STRADE, TUNNEL, STAZIONI E FABBRICHE DELLE CITTÀ CHE HA VISITATO ED ESPLORATO PER ANNI. VIAGGIARE È DIVENTATO UNO DEGLI ELEMENTI ESSENZIALI DELLA SUA ARTE, CON IL SOLO SCOPO DI SCOPRIRE GLI ANGOLI PIÙ BUI E PIÙ DISPERATI DELLE METROPOLI, IN ITALIA E ALL’ESTERO.

BARBIERI USA MURI E TELE, CONSCIO DEI DIVERSI UTILIZZI E DELL’IMPORTANZA DEL SUPPORTO IN OGNI ESPRESSIONE ARTISTICA. I SUOI SOGGETTI RICHIEDONO UNA BASE SOLIDA, IL FULCRO SONO CITTÀ E PERIFERIE, LE LORO STRUTTURE ESSENZIALI CHE CREANO CONNESSIONI E SUGGESTIONI, MA SOPRATTUTTO SONO I SEGNI. RIPORTARE IL SEGNO IN PRIMO PIANO, IL TRATTO, LO SCHELETRO, QUESTE SONO LE FONDAMENTA DELLE SUE OPERE, LA PARTE PURA E CONCRETA DI OGNI IMMAGINE. NEL SEGNARE UNA PLANIMETRIA SURREALE SI CREANO INTERI MONDI: DALLE SEMPLICI LINEE DI COLORE EMERGONO GRATTACIELI, PALAZZI SOFFOCANTI, A VOLTE ANCHE AEREI, NAVICELLE IN UNA LOTTA SERRATA, EMERGONO ARCHITETTURE DAL RISVOLTO ORIENTALE E MALINCONICO MA ANCHE DALLA FORZA E VELOCITÀ VICINE AL FUTURISMO.

ATTRAVERSO SPRAY, ACRILICI E COLLAGE VENGONO SPERIMENTATI DIVERSI LINGUAGGI DI COMUNICAZIONE, SI RIFLETTE SULLA CROMATOLOGIA E I SUOI RISVOLTI EMOZIONALI E PSICOLOGICI, SULL’APPARENZA E IL MESSAGGIO DEI COLORI LUCIDI E OPACHI, SUL CHIAROSCURO CHE CREA ALIENAZIONI E PATTERNS PSICHEDELICI. L’IMMAGINE, CHE SPAZIA DALL’ASTRATTISMO, AL FUMETTO, ALLA TELEVISIONE, AVVICINA LE OPERE AD UNA COMUNICAZIONE COMMERCIALE IMMEDIATA E METROPOLITANA A LIVELLO SUPERFICIALE, SPINGE IL VISITATORE AD UNA LETTURA PIÙ PROFONDA ED ACCURATA AD UN SECONDO LIVELLO, CREATO NON DA SEMPLICI SFONDI MA DA UN ULTERIORE PROGETTO DI BASE, PIÙ INTIMISTA ED ASTRATTO CHE SUPPORTA IL TUTTO. LE STRUTTURE MENTALI ESONDANO DALLA SEMPLICE BIDIMENSIONALITÀ PER TROVARE SFOGO SU ELEMENTI POLIMORFI, GEOMETRICI, TRIDIMENSIONALI CHE VENGONO TRASFORMATI IN INSTALLAZIONI DAI COLORI ACCESI E VIBRANTI, CHE DANNO VITA AL CEMENTO CREANDO UN GIGANTESCO HABITAT PER ORGANISMI OVERSIZE, PER ASTRAZIONI MANGA ED UN RITORNO AL GRAFFITISMO ARTISTICO.

FRANCESCO BARBIERI BIO:

FRANCESCO BARBIERI È UN ARTISTA PROVENIENTE DAL GRAFFITI WRITING, MOVIMENTO NEL QUALE SI È DISTINTO PER ANNI GRAZIE AL SUO APPROCCIO HARDCORE CHE RIPERCORRE LO SPIRITO ORIGINALE DI QUESTA PRATICA. NEGLI ULTIMI ANNI SI È CONCENTRATO SU UN PERCORSO ARTISTICO PARALLELO CHE PUNTA A CATTURARE L’ENERGIA CRUDA DEGLI AMBIENTI DOVE SI È TROVATO A OPERARE PER UN LUNGO PERIODO COME WRITER: PERIFERIE DESOLATE, PALAZZI ABBANDONATI, TUNNEL, STAZIONI E SOTTOPASSI FERROVIARI SPERDUTI IN MOLTE CITTÀ EUROPEE E AMERICANE. IL SUO LINGUAGGIO VISIVO SI ISPIRA A QUESTO TIPO DI PAESAGGI PER COMBINARSI CON TECNICHE PITTORICHE PIU TRADIZIONALI, DAL COLLAGE ALL’USO DELLA SPATOLA. FRANCESCO BARBIERI HA PRESO PARTE A DIVERSI PROGETTI MULTIDISCLIPLINARI CHE SCONFINANO NEL CAMPO DELL’ARCHITETTURA, GRAFICA, MODA, TELEVISIONE E FOTOGRAFIA. VIVE E LAVORA A PISA.