NEXTECH FESTIVAL 2013, FIRENZE / REPORT

(PH. THOMAS PIZZINGA)

FIRENZE È ANCHE UN PÒ CASA NOSTRA, E SE IL RIENTRO DOPO LE VACANZE NON È MAI IL MASSIMO, QUEST’ANNO A DARCI IL BENVENUTO OLTRE ALLA CONSUETA PASSATA DI POMODORO PREPARATA DALLA NONNA PER AFFRONTARE I MESI INVERNALI, CI SONO I RAGAZZI DEL NEXTECH FESTIVAL CHE CI HANNO FATTO TROVARE SOTTOCASA PERSONAGGIONI COME RAIME, MOUNT KIMBIE, CHINESE MAN, NINA KRAVITZ E MOLTI ALTRI. NOI CE LI SIAMO GUSTATI QUASI UNO PER UNO.

IL NEXTECH È UN FESTIVAL DI MUSICA ELETTRONICA ED AMBIENTE VISIVO CHE SI SVOLGE A FIRENZE DA ORMAI 8 ANNI, FINO AL 2011 LA MANIFESTAZIONE ERA TOTALMENTE SVILUPPATA ALL’ INTERNO DEI LOCALI DELLA STAZIONE LEOPOLDA, UNO SPAZIO INDUSTRIALE MAGICO, TEATRO DI DANZE E BATTAGLIE SONORE CHE RICORDIAMO CON NOSTALGIA, MA QUEST’ANNO I NUOVI PROMOTER CHE HANNO PRESO LE REDINI DELL’EVENTO HANNO DECISO DI DISLOCARLA IN VENUE DIFFERENTI OGNUNA APPOSITAMENTE ED ACCURATAMENTE SELEZIONATA IN BASE ALLA TIPOLOGIA DI ARTISTA.

GIOVEDÌ 5 NOVEMBRE ATTRAVERSIAMO L’ARNO DIREZIONE QUARTIERE DI SAN FREDIANO E PIÙ PRECISAMENTE VERSO LA SALA VANNI LOCATION DESIGNATA PER IL LIVE D’APERTURA DEL NEXTECH: RAIME. 

ALL’INTERNO DELLA SALA È VIETATO INTRODURRE ALCOLICI. CI GUARDIAMO NEGLI OCCHI, TRACANNIAMO IL DRINK ALLA GOCCIA E CORRIAMO A PRENDERE POSIZIONE. QUANDO LE LUCI SI SPENGONO L’IMPATTO È NOTEVOLE, L’EQUILIBRIO TRA IMMAGINI E MUSICA È SCONCERTANTE. LA SALA COMPLETAMENTE BUIA, I RAIME SONO SUL PALCO CON I LORO MACCHINARI: SUONI SCURI, GOTICI E CAVALCATE INDUSTRIALI SI UNISCONO IN MANIERA SINCRONICA AI VISUAL CREATI DA DAKUS FILM, DOVE LE DANZE E LE CONTORSIONI DI UN BALLERINO CI FANNO CAPIRE CHE I DUE LONDINESI SONO DEGLI ESTETI DECISI A REGALARCI 40 MINUTI DI FREDDEZZA ONIRICA.

(GALLERIA A CURA DI FEDERICO CIAPI)

IL VENERDÌ LA SITUAZIONE PARTY PRENDE IL SOPRAVVENTO, I PRIMI DUE LIVE CE LI GODIAMO NELLA STUPENDA CORNICE DEL TEATRO CINEMA ODEON, UN GIOIELLO LIBERTY NEL CENTRO STORICO DEL CAPOLUOGO TOSCANA. DOPO LE CLASSICHE STRETTE DI MANO FUORI DAL LOCALE MI DIRIGO SUBITO A RITIRARE L’ACCREDITO E NEL GIRO DI POCHI MINUTI SONO GIA CON UNA BIRRA IN MANO, SODDISFATTO AD AMMIRARE LA STUPENDA SALA CHE ACCOGLIE IL PALCO PIENO DI STRUMENTAZIONE DA LIVE.

STARGATE, CHE BEN CONOSCIAMO, APRE LE DANZE E COME AL SOLITO CI PRENDE A BRACCETTO, COCCOLANDOCI CON LE SUE MELODIE PSICHEDELICHE: A TRATTI MALINCONICHE A TRATTI INCALZANTI. SONO LE 11 CIRCA È ARRIVATO IL MOMENTO. MI ACCORGO CHE LA BIRRA SCARSEGGIA HO POCO TEMPO VOLO AL BAR E MI RIACCOMODO IN FONDO ALLA SALA DOVE L’ACUSTICA È QUASI PERFETTA.

I MOUNT KIMBIE: DOMINIC MAKER E KAI CAMPOS, PRENDONO POSIZIONE SULLO STAGE. LE GROUPIES ACCORSE INIZANO A SCALDARSI E FANNO PARTIRE LE PRIME URLA ALLA VOLTA DEL PALCO. IL LIVE È UN CONCENTRATO DI EMOZIONI, I DUE SI SCAMBIANO SINTH, BATTERIA E BASSO. I CUORI DEL PUBBLICO SONO STATI TRAFITTI. UNA RAGAZZA DAVANTI A ME INIZIA A DANZARE A PIEDI NUDI PER TUTTO IL TEATRO QUASI PARTECIPASSE AD UN RITO ESOTERICO. FINISCE  IL LIVE CON TUTTO IL PUBBLICO IN PIEDI A BALLARE, VITTORIA.

(PH. THOMAS PIZZINGA)

ORE 24 CIRCA, PER ME LA SERATA NON È ANCORA FINITA ANZI, PRENDO LA BICI E MI DIRIGO VERSO IL VIPER THEATRE. GIÀ DALLA BIGLIETTERIA SI INTUISCE CHE MILLELEMMI IS ON THE MIC, UN LIVE DAVVERO CALOROSISSIMO SUPPORTATO DA UN SACCO DI GIOVANI LEVE E FACCE NOTE. RIESCO A SENTIRMI TUTTE LE TRACCE DEL NUOVO ALBUM E LA PURE CULT SONG “MONDO CANE”, SCROSCIANO GLI APPLAUSI E I CINQUE ALTI DI RITO ALLA VOLTA DEL RAPPER. LA TEMPERATURA NELLA SALA INIZIA A SALIRE ANCHE PERCHE’ GLI AREATORI SONO SPENTI, BRUTTA STORIA.

(PH. THOMAS PIZZINGA)

ECCOLI LÀ I CHINESE MAN, LA COMPAGINE TRANSALPINA SI SCHIERA DIETRO LA CONSOLLE, TRE DJ AI CONTROLLI +TAIWAN MC. DEFINIRLO UN CONCERTO HIP-HOP MI SEMBRA RIDUTTIVO, SI PASSA DALLA BREAKBEAT CON INFLUENZE SWING, ALLA DRUM’N'BASS, SEMPRE CON QUEL TOCCO DI ORIENTALE CHE LI CONTRADDISTINGUE. IL GIOVANE PUBBLICO SALTA E BALLA COME POCHE VOLTE SUCCEDE A FIRENZE, SICURAMENTE LA PERFORMANCE PIU APPREZZATA DELLA RASSEGNA.

IL SABATO PURTROPPO PER MOTIVI DI LAVORO DEVO SALTARE LA TECHNO NIGHT ALL’INTERNO DELLA FORTEZZA DABBASSO, LA LINE-UP ERA TIRATISIMA: LEN-FAKI, NINA KRAVITZ, DVS1, INSOMMA BOMBE SU BOMBE.

CMQ BRAVI TUTTI

CIAO LAMPREDOTTO