PETER SAVILLE SPIEGA L’ARTWORK DI UNKNOWN PLEASURES DEI JOY DIVISION


UNKNOWN PLEASURES E’ UN DISCO CHE HANNO ASCOLTATO TUTTI, BEH, FORSE NON PROPRIO TUTTI, MA TRA CHI NON L’HA MAI ASCOLTATO SICURAMENTE PIU’ DELLA META’ DI QUESTE PERSONE ALMENO UNA VOLTA NELLA LORO VITA HA VISTO QUELLO SFONDO NERO CON QUELLE RIGHE UN PO’ COSI’. E’ L’ALBUM CHE TROVI ANCHE DA FELTRINELLI A 25.99 EURO RIMASTERIZZATO CINQUE VOLTE, MA CHE ALLO STESSO TEMPO TROVI IN QUALCHE NEGOZIO DI VINILI USATI A BERLINO, FIRST PRESSURE A 59.99 EURO SE NON DI PIU’.

IN REALTA’ QUELLE “RIGHINE” SONO LA RAPPRESENTAZIONE DEL SEGNALE ELETTROMAGNETICO EMANATO DALLA PRIMA STELLA PULSAR ESAMINATA DAGLI SCIENZATI. PIERO ANGELA.

PETER SAVILLE, CHE HA DISEGNATO L’ARTWORK NEL 1979 (E TANTE ALTRE DEI JOY DIVISION, NEW ORDER, ECC.), SPIEGA COM’E’ NATA L’IDEA E DI COME SIA DIVENTATA IMMEDIATAMENTE UN’IMMAGINE POP-ART RIPRODOTTA IN TATUAGGI, MAGLIETTE, POSACENERI, VIDEOGIOCHI E VIA DICENDO DA PIU’ DI TRENT’ANNI.

 SE HAI (MENO) CINQUE MINUTI DI TEMPO GUARDATELO CHE E’ INTERESSANTE

VIENI DENTRO