A PROPOSITO DI DAVIDE, L’ULTIMO FILM DEI COEN / REVIEW BY A.PAGANO

SONO ABBASTANZA SICURO CHE QUALCUNO DI VOI SE NE INTENDERA’ DELLE TRAVERSIE DEL FOLK AMERICANO ANNI ’60 E DEL GREENWICH VILLAGE PRE-DYLAN; SONO ALTRETTANTO CERTO CHE LA MAGGIOR PARTE DI VOI (ME COMPRESO) NON HA IDEA DI CHE MINCHIA STO PARLANDO, QUINDI PROVERO’ A DECONTESTUALIZZARE LA VICENDA DELL’ULTIMO – SFIGATISSIMO –  ULISSE DEI COEN (UN CONVINCENTE OSCAR ISAAC NEL RUOLO DI DAVIS) IN UN AMBIENTE “DISCOGRAFICO” SICURAMENTE PIU’ FAMILIARE: QUELLO DELL’INDIE MILANESE

DAVIDE E’ UN FUORISEDE MOLISANO ISCRITTO AD AGRARIA CON UNA FORTISSIMA PASSIONE PER LA CHITARRA, PER IL FOLK (CHE GLI RICORDA LE VERDI VALLI NATIE) E PER LE RAGAZZE INDIE.

SPESSO RIESCE A SCOPARSI PURE LE RAGAZZE GRAZIE ALLA CHITARRA E AL FOLK, MA NON HA TEMPO DI STARGLI DIETRO PERCHE’ SOSTANZIALMENTE VUOLE FARE I CASH E LA CARRIERA DISCOGRAFICA. TUTTO QUESTO CON UN SALDO INDICE DI PUREZZA STRAIGHT EDGE (E CONNESSA INGENUITA’) SEMPRE NEL RISPETTO DELLE VALLI VERDI DA CUI PROVIENE

LE RAGAZZE INTANTO SI FIDANZANO CON JUSTIN TIMBALAND ALLO IULM E DAVIDE OTTIENE PIU’ TEMPO PER PERSARE AI SOLDI. CONOSCE DELLA GENTE A ROCKIT CHE GLI FA IL POST, FA UN PAIO DI WARM-UP AL ROCKET PER PAGARSI L’AFFITTO, E QUALCUNO GLI PROMETTE ADDIRITTURA DI FARLO SUONARE IN COLLINETTA AL MI AMI ALLE ORE 16.30. 

POI DAVIDE DECIDE DI ALZARE IL TIRO SULLA DISCOGRAFIA E SCOPRE CHE NON C’E’ BUDGET #COGLIONI

(OGNI RIFERIMENTO A FATTI COSE E PERSONE E’ PURAMENTE CAUSALE)

TANTO VICINO ALL’ULYSSES DI “FRATELLO, DOVE SEI?” (GEORGE CLOONEY) PER LA PREPONDERANZA DEL COMMENTO MUSICALE (QUI ADDIRITTURA I PEZZI SONO ESEGUITI INTEGRALMENTE), QUANTO ALLO IELLATISSIMO LARRY GOPNIK DI “A SERIOUS MAN” E AL SUO SURREALE GIROVAGARE IN CERCA DI SENSO FRA RABBINI POCO PROVVIDENZIALI (FIGURE “TAPPA” A CUI POSSONO ESSERE ASSIMILATI GLI INCONTRI INCONTRI DISCOGRAFICI DEL NOSTRO DAVIS/DAVIDE; FRA TUTTI UN FENOMENALE JOHN GOODMAN AL VETRIOLO).

IL TAGLIO ONIRICO E IL MOVIMENTO CIRCOLARE (UN RITORNO AD ITACA COMPLETAMENTE INCONCLUDENTE) DI QUEST’ULTIMO SONO RISPETTIVAMENTE RAFFORZATI DA UN FILTRO “SOGNO” CHE SEMBRA ESSERE STATO APPLICATO ALLA FOTOGRAFIA E DA QUELLA CHE E’ SICURAMENTE UNA DELLE SCENEGGIATURE PIU’ TROLL MAI SCRITTE E DIRETTE DAI FRATELLI COEN,

UN ESERCIZIO DI STILE SINCERO E PARTICOLAMENTE SENTITO IN OMAGGIO AD UN ESTABLISHMENT MUSICALE CHE FORSE NON TUTTI CONOSCERANNO, MA IN CUI MOLTI – RIDENDO E SCHERZANDO – SI IDENTIFICHERANNO.

CIAO DAVIDI.

Facebook Comments

Newsletter.

Contattaci.

©Ptwschool – Milano.
Musica, visual, stile, vita.

Collaborazioni e branded content: adv@ptwschool.com

Contatta la redazione.

Privacy Policy e Cookie Policy
I contenuti di questo sito non hanno carattere periodico e non rappresentano prodotto editoriale ex L.62/2001.

Ptwschool is part of SCUSA network.